Cassazione: la crisi di liquidità d’azienda non giustifica l’omesso versamento

SM06/2014

Con sentenza 4 febbraio 2014 n. 5467, la Corte di cassazione ha stabilito che il mancato versamento delle imposte dovute da parte dell’imprenditore non è giustificato dallo stato di crisi di liquidità in cui versa l’azienda, a meno che non venga provato che il medesimo stato di crisi non sia imputabile al contribuente.

L’imprenditore deve provare, in sostanza, di aver avuto l’accortezza e la diligenza di accantonare le risorse necessarie e di aver posto in essere tutte le possibili azioni per far fronte allo stato di crisi e di liquidità che non gli ha permesso, nonostante ciò e indipendentemente dalla sua volontà, di adempiere all’obbligazione tributaria.